bona cicorietta ripassata de noantri

L'erbazzone emiliano è un'esperienza crudele che continuo a sperimentare. Lo vedo, resisto, non lo compro. Lo rivedo, riresisto e non lo compro ancora. Poi, di tanto in tanto, cedo. Dopo che ho ceduto, soffro. E mentre soffro, come ora, non rinnego, no. Ma rimpiango, sì.

(burp! Proviamo a digerirlo burp! con un pò di je je.....)

10 commenti:

  1. letale... assolutamente letale...

    RispondiElimina
  2. erbazzone emiliano? ma guarda un po', ho imparato un'altra cosa...ciao bella cicoriona
    eh eh

    Anonimo campano

    RispondiElimina
  3. Ecco, se lo conferma calzino che è autoctona mi riconsolo un pò (nel frattempo son riuscita a digerirlo)...

    Tu, anonimo che imapara cose nuove, non lasciare le briciole :)

    RispondiElimina
  4. uhm è rimasta una briciola grossa e mo te la tiro appresso eheh...

    anonimo campano

    RispondiElimina
  5. oplà, schivata [sono lesta, io]... l'hai tirata in testa a calzino [il solito bruto, tu]

    RispondiElimina
  6. Ah ok. L'erbazzone non digerito. Capito.
    Uff… Sono cronologicamente disallineato rispetto ai topic del blog.

    RispondiElimina
  7. E comunque, cicorietta ripassata dentro piadina + salsiccia, non diciamoglielo ai reggiani che altrimenti ci patiscono, ma è tutto un altro andare!

    (mmm… piadina erba e salsiccia del Furlo…)

    RispondiElimina
  8. Chiamiamo le cose con il loro nome: piada sfogliata... e sì che è tutto un altro andare!

    p.s. io, per ovvi motivi gastroenterici, faccio volentieri a meno della salsiccia

    RispondiElimina
  9. Dai, solo un pochinino di salsiccetta. È buona buona.

    (esattamente, crescia sfogliata)

    RispondiElimina
  10. E dopo.... una bella moretta [per lei metto volentieri da parte i motivi di cui sopra]

    RispondiElimina